Rime di 'arlo'

Trovate 916 rime per arlo

carlo
ciarlo
darlo
farlo
parlo
sparlo
starlo
sviarlo
tarlo
trarlo
abitarlo
aizzarlo
alzarlo
amarlo
ampliarlo
andarlo
attrarlo
attuarlo
avviarlo
baciarlo
bagnarlo
basarlo
beccarlo
beffarlo
bendarlo
bloccarlo
braccarlo
bruciarlo
burlarlo
buscarlo
buttarlo
cacciarlo
calmarlo
cambiarlo
cantarlo
causarlo
cavarlo
celarlo
centrarlo
cercarlo
chiamarlo
citarlo
colarlo
colmarlo
comprarlo
contrarlo
copiarlo
cullarlo
curarlo
destarlo
deviarlo
disfarlo
disparlo
distrarlo
doppiarlo
dotarlo
drogarlo
elevarlo
elogiarlo
esaltarlo
esortarlo
esportarlo
espropriarlo
falsarlo
fermarlo
ficcarlo
filtrarlo
firmarlo
fissarlo
fiutarlo
fondarlo
forzarlo
frenarlo
gettarlo
giancarlo
giocarlo
girarlo
gittarlo
giurarlo
gonfiarlo
graziarlo
gridarlo
guadarlo
guardarlo
guastarlo
guidarlo
gustarlo
iniettarlo
iniziarlo
intarlo
inviarlo
ispirarlo
lanciarlo
lasciarlo
leccarlo
legarlo
levarlo
linciarlo
lodarlo
mancarlo
mandarlo
mangiarlo
marcarlo
menarlo
mirarlo
mischiarlo
mollarlo
mondarlo
montarlo
mostrarlo
multarlo
mutarlo
mutuarlo
negarlo
notarlo
odiarlo
operarlo
ornarlo
pagarlo
passarlo
pensarlo
pesarlo
pescarlo
piantarlo
piazzarlo
picchiarlo
piegarlo
pigliarlo
placarlo
placcarlo
plasmarlo
portarlo
pregarlo
pregiarlo
premiarlo
prestarlo
privarlo
provarlo
puntarlo
purgarlo
restarlo
rialzarlo
ricrearlo
rifarlo
rinviarlo
riparlo
rischiarlo
ritrarlo
ruotarlo
saggiarlo
saltarlo
salvarlo
sanarlo
saziarlo
sbranarlo
scacciarlo
scalarlo
scalzarlo
scambiarlo
scansarlo
scartarlo
schermarlo
schiacciarlo
schierarlo
schivarlo
scontarlo
scortarlo
scrostarlo
scrutarlo
scuoiarlo
scusarlo
seccarlo
segarlo
segnarlo
sembrarlo
serbarlo
serrarlo
sfasciarlo
sfidarlo
sfrondarlo
sfruttarlo
sfumarlo
sgombrarlo
sgravarlo
sgridarlo
siglarlo
situarlo
slegarlo
smacchiarlo
smembrarlo
snidarlo
snobbarlo
sognarlo
sottrarlo
spararlo
spazzarlo
spellarlo
sperarlo
spezzarlo
spiazzarlo
spiegarlo
spogliarlo
sposarlo
spostarlo
spronarlo
squarciarlo
squartarlo
staccarlo
stamparlo
stanarlo
stimarlo
stopparlo
straparlo
strapparlo
straziarlo
stroncarlo
strozzarlo
studiarlo
succhiarlo
suonarlo
svegliarlo
svelarlo
sventarlo
svuotarlo
tacciarlo
tagliarlo
tentarlo
tirarlo
toccarlo
torchiarlo
tracciarlo
trainarlo
tranciarlo
trattarlo
traviarlo
trovarlo
turbarlo
umiliarlo
urlarlo
usarlo
vantarlo
vararlo
variarlo
vegliarlo
versarlo
vietarlo
violarlo
viziarlo
votarlo
zapparlo
abbassarlo
abbordarlo
abbozzarlo
abbracciarlo
accecarlo
accennarlo
accentuarlo
accertarlo
accettarlo
acciuffarlo
acclamarlo
accorciarlo
accordarlo
accostarlo
accusarlo
acquistarlo
adagiarlo
adattarlo
additarlo
addossarlo
adescarlo
adoprarlo
adorarlo
adottarlo
affermarlo
afferrarlo
affiancarlo
affidarlo
affondarlo
affossarlo
affrettarlo
affrontarlo
agganciarlo
aggiornarlo
aggirarlo
aggiustarlo
aggravarlo
agguantarlo
agitarlo
aguzzarlo
aiutarlo
alimentarlo
allargarlo
allarmarlo
allenarlo
allevarlo
allocarlo
alterarlo
ambientarlo
ammaccarlo
ammainarlo
ammaliarlo
ammazzarlo
ammirarlo
amnistiarlo
amputarlo
ancorarlo
angosciarlo
angustiarlo
annientarlo
annodarlo
annoiarlo
annotarlo
annullarlo
annunciarlo
annunziarlo
annusarlo
antitarlo
appiedarlo
applicarlo
appoggiarlo
apprestarlo
apprezzarlo
approvarlo
appurarlo
archiviarlo
arraparlo
arredarlo
arrestarlo
arretrarlo
arricciarlo
arruolarlo
asciugarlo
ascoltarlo
asfissiarlo
aspettarlo
aspirarlo
asportarlo
assaggiarlo
assegnarlo
assestarlo
assillarlo
associarlo
attaccarlo
atterrarlo
attirarlo
attivarlo
attrezzarlo
aumentarlo
auscultarlo
auspicarlo
avanzarlo
avvisarlo
avvitarlo
azzannarlo
azzeccarlo
azzerarlo
barattarlo
barbacarlo
bastonarlo
battezzarlo
bersagliarlo
biasimarlo
bidonarlo
bistrattarlo
boicottarlo
bombardarlo
brevettarlo
bruciacchiarlo
cagionarlo
calcolarlo
cancellarlo
caricarlo
catturarlo
cavalcarlo
celebrarlo
coagularlo
collegarlo
collocarlo
coltivarlo
commerciarlo
comperarlo
compilarlo
completarlo
concentrarlo
conciliarlo
condannarlo
confermarlo
confessarlo
conformarlo
confortarlo
confrontarlo
congelarlo
conquistarlo
consacrarlo
consegnarlo
conservarlo
consolarlo
constatarlo
consultarlo
consumarlo
contattarlo
contemplarlo
contestarlo
continuarlo
contrastarlo
controllarlo
convocarlo
criticarlo
cucinarlo
danneggiarlo
dedicarlo
delinearlo
denunciarlo
deplorarlo
depredarlo
deprivarlo
depurarlo
derivarlo
designarlo
destinarlo
detestarlo
dichiararlo
digitarlo
dimostrarlo
dirottarlo
disarmarlo
disgregarlo
disturbarlo
diventarlo
domandarlo
dominarlo
dubitarlo
effettuarlo
elaborarlo
eliminarlo
esaminarlo
esasperarlo
esercitarlo
esonerarlo
esorcizzarlo
esplicitarlo
evitarlo
fabbricarlo
festeggiarlo
figurarlo
finanziarlo
folgorarlo
formularlo
frastornarlo
frazionarlo
frequentarlo
fronteggiarlo
fucilarlo
giudicarlo
giustiziarlo
governarlo
guadagnarlo
ignorarlo
illustrarlo
imbarcarlo
imbrogliarlo
imitarlo
impacciarlo
impalarlo
impararlo
impastarlo
impiantarlo
impiccarlo
impiegarlo
implorarlo
importarlo
imputarlo
inaugurarlo
incalzarlo
incastrarlo
incensarlo
inchiodarlo
incollarlo
incolparlo
incontrarlo
incrociarlo
indagarlo
indicarlo
indossarlo
infangarlo
infilarlo
infilzarlo
influenzarlo
inforcarlo
informarlo
infornarlo
ingabbiarlo
ingaggiarlo
ingannarlo
ingiuriarlo
ingoiarlo
ingrossarlo
innalzarlo
innescarlo
innestarlo
inquadrarlo
insabbiarlo
insediarlo
insegnarlo
insidiarlo
installarlo
insultarlo
integrarlo
intonarlo
inventarlo
invitarlo
invocarlo
irrigarlo
irritarlo
isolarlo
lacerarlo
lapidarlo
lavorarlo
liberarlo
licenziarlo
limitarlo
liquidarlo
logorarlo
lusingarlo
maltrattarlo
maneggiarlo
manovrarlo
mascherarlo
massacrarlo
massaggiarlo
masturbarlo
maturarlo
medicarlo
meditarlo
meritarlo
mescolarlo
migliorarlo
minacciarlo
misurarlo
mitigarlo
mitragliarlo
modellarlo
moderarlo
montecarlo
motivarlo
negoziarlo
nominarlo
obbligarlo
occuparlo
offuscarlo
onorarlo
ordinarlo
orientarlo
ospitarlo
ossequiarlo
osservarlo
pedinarlo
penetrarlo
perdonarlo
permutarlo
perpetuarlo
potenziarlo
praticarlo
precisarlo
prelevarlo
prenotarlo
prepararlo
presentarlo
preservarlo
presidiarlo
processarlo
proclamarlo
profanarlo
professarlo
proiettarlo
prolungarlo
pronunciarlo
pronunziarlo
propagarlo
propiziarlo
provocarlo
pubblicarlo
punzecchiarlo
querelarlo
raccattarlo
raccontarlo
raccostarlo
raddrizzarlo
rafforzarlo
raffreddarlo
raffrontarlo
rallegrarlo
rallentarlo
rammentarlo
rampognarlo
realizzarlo
recitarlo
regalarlo
registrarlo
regolarlo
reintegrarlo
relegarlo
replicarlo
restaurarlo
revocarlo
riabbracciarlo
riacquistarlo
rianimarlo
riassettarlo
riattivarlo
ricacciarlo
ricambiarlo
ricattarlo
ricavarlo
ricercarlo
richiamarlo
riciclarlo
ricordarlo
ridestarlo
rievocarlo
rifiutarlo
riformarlo
rigettarlo
riguardarlo
rilanciarlo
rilasciarlo
rilegarlo
rilevarlo
rimandarlo
rimborsarlo
rimirarlo
rimpiazzarlo
rimpinzarlo
rincuorarlo
rinfacciarlo
ringraziarlo
rinnegarlo
rinnovarlo
rintracciarlo
rintuzzarlo
riordinarlo
ripagarlo
ripararlo
ripescarlo
ripiegarlo
ripigliarlo
riportarlo
riposarlo
ripudiarlo
riscaldarlo
riscattarlo
riscontrarlo
riservarlo
rispettarlo
ristamparlo
ristorarlo
ritardarlo
ritirarlo
ritoccarlo
ritrovarlo
rivelarlo
riversarlo
rivoltarlo
rovesciarlo
rovinarlo
sabotarlo
salutarlo
sanzionarlo
sbaraccarlo
sbriciolarlo
scagionarlo
scaricarlo
scatenarlo
scavalcarlo
scimmiottarlo
sconfessarlo
sconfinarlo
scongiurarlo
scoraggiarlo
scorticarlo
screditarlo
secondarlo
segnalarlo
segregarlo
seguitarlo
seminarlo
separarlo
sgambettarlo
sgrovigliarlo
simularlo
sistemarlo
smantellarlo
smascherarlo
soddisfarlo
soffocarlo
sollevarlo
soppesarlo
soppiantarlo
sopportarlo
sopraffarlo
sorpassarlo
sorvegliarlo
sorvolarlo
sospettarlo
spaventarlo
sprofondarlo
sradicarlo
stimolarlo
strangolarlo
strattonarlo
stritolarlo
strutturarlo
superarlo
supplicarlo
sussurrarlo
svaligiarlo
svergognarlo
svilupparlo
svincolarlo
sviscerarlo
tallonarlo
tartassarlo
tempestarlo
teorizzarlo
terminarlo
tollerarlo
tormentarlo
torturarlo
tramandarlo
tramutarlo
trapassarlo
trascinarlo
trascurarlo
trasformarlo
trasportarlo
valutarlo
vendicarlo
vezzeggiarlo
violentarlo
visionarlo
visitarlo
abbandonarlo
accoltellarlo
accompagnarlo
accontentarlo
accreditarlo
addolorarlo
adoperarlo
affascinarlo
affezionarlo
affumicarlo
agevolarlo
allontanarlo
amalgamarlo
amareggiarlo
ammanettarlo
ammanierarlo
amministrarlo
amplificarlo
analizzarlo
anticiparlo
antidatarlo
appassionarlo
approssimarlo
argomentarlo
articolarlo
assaporarlo
assassinarlo
assecondarlo
asseverarlo
assicurarlo
assoggettarlo
attraversarlo
autorizzarlo
avvelenarlo
avvicinarlo
catalogarlo
certificarlo
classificarlo
commemorarlo
comunicarlo
condizionarlo
configurarlo
congratularlo
considerarlo
consolidarlo
convalidarlo
depositarlo
desiderarlo
deteriorarlo
determinarlo
diagnosticarlo
differenziarlo
dimenticarlo
disarcionarlo
disattivarlo
disciplinarlo
discriminarlo
diseredarlo
falsificarlo
fortificarlo
fotografarlo
giustificarlo
glorificarlo
gratificarlo
illuminarlo
immaginarlo
imprigionarlo
incatenarlo
incoraggiarlo
incoronarlo
incorporarlo
incrementarlo
incriminarlo
individuarlo
indovinarlo
innamorarlo
intercettarlo
interessarlo
interpretarlo
interrogarlo
intervistarlo
intitolarlo
intorbidarlo
intrappolarlo
legittimarlo
localizzarlo
lubrificarlo
magnetizzarlo
manifestarlo
memorizzarlo
minimizzarlo
modernizzarlo
modificarlo
mortificarlo
neutralizzarlo
notificarlo
oggettivarlo
oltrepassarlo
organizzarlo
originarlo
ostacolarlo
padroneggiarlo
paragonarlo
perfezionarlo
perseguitarlo
polverizzarlo
posizionarlo
preannunciarlo
preoccuparlo
privatizzarlo
pubblicizzarlo
qualificarlo
quantificarlo
rabbonacciarlo
raccomandarlo
raffigurarlo
rappresentarlo
rassicurarlo
rassomigliarlo
ratificarlo
recuperarlo
riabilitarlo
ricaricarlo
ricompensarlo
riconfermarlo
riconquistarlo
ricoverarlo
ridisegnarlo
riedificarlo
rimproverarlo
riorganizzarlo
ripresentarlo
rispolverarlo
ristrutturarlo
riutilizzarlo
rivalutarlo
rivendicarlo
sacrificarlo
salvaguardarlo
selezionarlo
significarlo
sintetizzarlo
sollecitarlo
sottolinearlo
sovvenzionarlo
specificarlo
sperimentarlo
squalificarlo
stabilizzarlo
sterilizzarlo
telefonarlo
testimoniarlo
tranquillizzarlo
trasfigurarlo
uniformarlo
utilizzarlo
vanificarlo
verificarlo
visualizzarlo
vivacizzarlo
addomesticarlo
automatizzarlo
democratizzarlo
disintossicarlo
identificarlo
immagazzinarlo
immobilizzarlo
personalizzarlo
personificarlo
relativizzarlo
ridimensionarlo
sensibilizzarlo
sopravvalutarlo
telemontecarlo

387 endecasillabi classici rimano con arlo:
Ponlo al dito del cor, né mai lasciarlo,
Mi rode il petto un sì mordace tarlo,
Ma tu sorella, con ardir ti parlo,
dela proprietà di cui ti parlo. -
Ma fra tutti i piacer di cui ti parlo
Ed a le pompe estreme almen serbarlo.
Magnanimo garzon! Folle! A cui parlo?
dela proprietà di cui ti parlo. -
Ma tu sorella, con ardir ti parlo,
Mi rode il petto un sì mordace tarlo,
Ma fra tutti i piacer di cui ti parlo
Sovrastante nemico. E chi pensarlo
Io non sapea. Tento parlar, già parlo,
con un gran sacco per voler pigliarlo.
Quel dalla Stella manda per trovarlo
Ch' intendo meco di prigion menarlo
Di prigionia, che già volea menarlo
Più che 'l suo Ganimede Giove, alzarlo
Però più di suo' fatti hora non parlo.
Graziose le menti ad ascoltarlo;
quanto ei può più si sforza, e potea farlo;
in cui vien l'avversario, il quinto Carlo,
il secondo Francesco e 'l chiaro Carlo,
di coronare Enrico e 'n cielo alzarlo,
tosto il tolse colui che potea farlo,
e se 'l mio reo destin negherà il farlo,
e che mi roda il cor, qual legno tarlo,
rispuose 'l mio maestro, «a tormentarlo;
Ond' io, che solo innanzi a li altri parlo,
Più non dirò, e scuro so che parlo;
Domenico fu detto; e io ne parlo
elesse a l'orto suo per aiutarlo.
Ciò fe' celatamente: e per celarlo
già commossi infiniti a lacerarlo,
che scorgon di là su se 'l vero io parlo,
Non potea farlo prendere e sbranarlo?
stavan con maraviglia ad ascoltarlo,
per richiamare Enea, per avvisarlo,
Iri a farne richiamo, e minacciarlo,
Allora indarno il misero a pregarlo
di coraggio e di corpo ad aspettarlo
le vòle e falle onor quanto può farlo;
ch'avinta l'hanno e l'amoroso tarlo,
gli scherni de la turba non vi parlo,
Milon, udendo ciò, per aiutarlo
e che per prova mai non può scacciarlo.
ma sol amore non può saziarlo,
Portasi 'l dolce peso né lasciarlo
non tentai poscia, e forse i' potea farlo.
Mastro è di ferità? vuo' superarlo
ne l'arti sue... Ma dove son? che parlo?
ché, non essendo tuo, non puoi tu darlo,-
perché teco e di ciò contendo e parlo?-
Quel mio famoso Augusto ond'or ti parlo,
mastro è di feritá: vo' superarlo
ne l'arti sue. Ma dove son? che parlo?
Però fatica e rischio (e 'l vero io parlo)
anzi da Dio, ch'altrui vorrá mostrarlo,
Fará piú bello il mondo; e ciò che io parlo
tenta di nuovo colpo e potria farlo.
Magnanimo garzon! Folle! A cui parlo?
Nel dubbio che lei non volesse farlo
La mente ti rodeva come un tarlo
Quel demone non cessi di cibarlo
Ma questo chi poteva immaginarlo?
E' sempre la ragione per cui parlo
C'è stata e non si può non annotarlo
Però tu non sai bene valutarlo
i più forti, i più degni, ad incontrarlo
di dar volta ai cavalli, e d'affrontarlo.
per comando d'Ettorre a richiamarlo.
rimbombò nel cader. Corse a spogliarlo
i gagliardi cavalli, e ad incontrarlo
E ti sofferse il cor d'abbandonarlo
la grand'asta vibrava. Ad incontrarlo
e quei del fiume uscendo ad incontrarlo
poiché certa è mia morte, ad incontrarlo
cacciandoli alle navi. Ad ammirarlo
Di Telemaco sono, e accompagnarlo
Lasciar nomare il padre, o interrogarlo
Che le membra gli agghiaccia? Ahi! che guardarlo
Stalla intendesse o alla città mandarlo:
ma quel s'arretra, e non vuol seguitarlo.
e si deliberò di non lasciarlo,
ma di condurlo seco, e di poi darlo
gli avria fatto servizio: ma aiutarlo
che disegnato avea d'adoperarlo,
né solamente avria voluto darlo,
giustissime cagion di dover farlo.
ch'altri non poté mai meglio aiutarlo.
quando esser dovea seco e più aiutarlo;
qualunque volta, di lui sazia, farlo
di questo capitan di ch'io ti parlo,
non tien per sé, ma fa alla patria darlo:
il palischermo mandano a levarlo:
dovunque andato sia, di seguitarlo.
e già pensato avea dove trovarlo.
alla regina sua di ch'io vi parlo.
non fu Gabrina lenta a seguitarlo.
Di quel ch'avvenne, all'altro canto io parlo.
acciò, volendol, sappia onde chiamarlo.
ch'i medici e che 'l letto per sanarlo.
Non l'ho voluto uccider né lasciarlo,
perché vo' ch'a te stia di giudicarlo,
ambe le coppie fêr, di ch'io vi parlo.
chiarir chi sia il miglior, e a colui darlo.
chiamato ve l'avea, non per cacciarlo;
con Veneziani in lega, e vuol pigliarlo.
Alceste, il cavallier di ch'io ti parlo
e lo minaccia, nel partir, di farlo
di vinto e di prigione, a riguardarlo,
Io che conosco ch'arde, non gli parlo
Non pur di regni o di ricchezze parlo,
ma di quel ch'in poter di tor, di darlo
Molta fama è là su, che, come tarlo,
non levò il resto, e non lasciò levarlo.
se con suo onor potuto avesse farlo.
saltan nel campo, e vogliono turbarlo.
sarà del suo signor quindi levarlo,
tutti in un tempo; che volean pigliarlo.
Disse, tra più ragion che dovea farlo,
si disponesse di voler gustarlo,
che quanto per udita io ve ne parlo,
Signor, miraste, e fêste altrui mirarlo.
per sé medesmo non potea ritrarlo;
con prieghi e con minaccie per piegarlo;
né mai avuto avea poter di farlo:
Vuol Dudon, vuol Guidone accompagnarlo;
sì perché l'onor suo lo stringe a farlo,
d'acquistare il bel cane; ch'acquistarlo
per prezzo può, che non si perde a darlo.
ch'ad amar lo stringeano e ad onorarlo;
che prima non avea potuto farlo,
Ruggiero eletto re, quivi a chiamarlo
E corse senza indugio ad abbracciarlo,
Però che 'l giovanetto de cui parlo,
E più presto partì che io non vi parlo.
Venian que' duo fratei, de' qual vi parlo,
Fermesi un poco e intenda quel ch'io parlo,
vo trapassando, et sol d'alcune parlo
(sassel' Amor con cui spesso ne parlo)
quello spirto ond'io vissi, a seguitarlo
per herbe o per incanti a sé ritrarlo.
ch'i' non l'udisse. Ei sa che 'l vero parlo:
ché legno vecchio mai non róse tarlo
Io voglio il mio cugino ire a trovarlo. -
per carità degli uomini ti parlo. -
che non dovessi così abbandonarlo.
Alardo e Ricciardetto v'è a guardarlo,
e in qualche modo si vorria avvisarlo
Ma dimmi, prigionier col quale io parlo,
non doverresti in tal modo trattarlo.
e corse, come e' lo vide, abbracciarlo:
Gan come Giuda in fronte usa baciarlo.
a Montalban se n'andava avvisarlo
e pensa pur come e' possa aiutarlo,
lo 'mperador che dovessi lasciarlo;
ch'io vo' in sul carro con esso mandarlo. -
in qualche modo di qui liberarlo,
perché e' pensava a Parigi trovarlo,
Rinaldo, come e' giugneva, a guardarlo
e per paura attenderà a guardarlo.
se lecito, barone, è quel ch'io parlo,
promisse pure a Rinaldo aspettarlo;
troppo mi par che sia da biasimarlo.
- Dove è Rinaldo? Io vorrei pur trovarlo. -
questo è Rinaldo tuo, col quale io parlo. -
e 'n questo modo ne' boschi lasciarlo
e s'egli attende, al modo usato, a farlo
tanto che possi alla mazza guidarlo.
che prieghi Antea che debba liberarlo;
e grande amor lo sforza ire aiutarlo,
che si vorre' altrettanto comperarlo
che doverresti per certo adorarlo
quivi pur Gano ognun volea squartarlo;
e cominciò in tal modo a salutarlo:
voler Marsilio come e' t'ama amarlo,
e se vi fussi restato alcun tarlo,
ché così piacque a ciascun d'onorarlo
che non dovessi a gnun modo mandarlo.
dicendo: - A sicurtà con teco parlo -
per mostrar come al cor gli rode un tarlo
per veder s'a la trappola guidarlo
vengono a corte a Marsilio adorarlo,
credo che sì, ché non dovea lasciarlo,
cogli altri in paradiso accompagnarlo,
e molto fu discreto ad onorarlo.
ch'a Siragozza non dovei mandarlo,
Ed Ulivier, quando io vidi baciarlo,
Tanto è che più il tuo Gan non puoi scusarlo,
fallo squartar. Ma, mentre ch'io ti parlo,
a molti par che si debba squartarlo;
era nato costui per ingannarlo
e non voleva sentir ricordarlo,
un suo fratel; ma del signor mio parlo,
opera mia non è di raccontarlo:
che dovessi tornare a liberarlo.
E perché il mondo ancor possi ritrarlo,
e dicone mia colpa, e ristorarlo
Lucrezia venne in sala ad incontrarlo
tutta lieta venía per abbracciarlo,
data lor poca occasion di farlo,
Si rinovò la tregua, e ad incontrarlo
e fin le dame uscir per onorarlo
che siate voi magnanimo in usarlo,
com'ella è pronta e generosa in darlo. -
del mio nobile padre, io gli parlo,
ma chi avrebbe potuto immaginarlo?
E, buon Rinaldo, prima d'incontrarlo,
Oh, parlane, mi tarda d'ascoltarlo.
Oh, signore, ero lungi da pensarlo.
essere io a dirti di toccarlo,
ed oltre al gentiluomo di cui parlo,
Non avresti dovuto mai lasciarlo
fino a spezzarle a furia di guardarlo,
Starà bene ch'io vada a salutarlo?
dimostrerà, a chi vorrà provarlo,
ora le abbiamo noi per riscattarlo.
Che tributo? Perché dobbiam pagarlo?
questa tua cera, darebbe, a guardarlo,
da quando ho avuto l'ordine di farlo.
che si riuscirà a rintracciarlo.
se quelli che dovevano aiutarlo
No, te ne prego, tu non devi odiarlo,
procederò senz'altro ad acquistarlo.
non m'è riuscito proprio di trovarlo.
Ora gli davo a credere di amarlo,
più motivo d'odiarlo che d'amarlo.
Vi dirò, sono stata ad osservarlo
Aufidio è là; potete immaginarlo
con quelli che hanno l'animo di farlo,
ché, se prima pensavo di schiacciarlo
Che siano vere, son pronto a giurarlo.
E tanto più favorevoli a farlo
essendo noto che per meritarlo
malato, ma è la morte ad amputarlo;
non s'esita davvero ad amputarlo
Se qui ci sfugge, dobbiamo incalzarlo
di coloro che devon giudicarlo:
sarà altrettanto pronto a richiamarlo
È qui che viene. Potete ascoltarlo.
fino a che non verranno a tormentarlo
Magnifico, se è stato Dio a farlo!
se mi fosse gradito o no accettarlo.
Ma se è stata lei stessa ad accettarlo
O vuoi che sia io a diventarlo?
finirà prima o poi col bastonarlo;
non è maniera questa di trattarlo.
che snudare la spada e assecondarlo
All'Elefante non potei trovarlo,
se mi bastasse l'animo di farlo,
quelli non cessano mai di pregarlo,
potremmo addirittura rovesciarlo.
e non mi garba proprio di pagarlo
non ho nessuna voglia d'incontrarlo.
senza disporre dei mezzi per farlo;
ma neppure diciamo di evitarlo.
se mai ti capitasse d'incontrarlo,
perché è là che dobbiamo riportarlo.
che sarà poi difficile staccarlo.
questo spietato corrosivo tarlo
che son venuti in forze a liberarlo.
lei e il Delfino!... C'era da pensarlo
Ho buoni testimoni per provarlo;
che quando gli piacesse sollevarlo
Suffolk aver l'ardire di sfidarlo.
ed ora mi comandi di non farlo?
gente indegna perfino di guardarlo?
guarda, nel mentre sta per afferrarlo,
sarebbe già sul punto di lasciarlo;
Io sono stato il primo ad innalzarlo,
ci sarebbero stati ad aspettarlo
Vi consiglio, signore, di non farlo;
Potete facilmente immaginarlo.
non m'obbligasse a frenarmi di farlo!
avesser loro comandato di farlo,
ch'ha ordinato ai Romani d'ammirarlo
che ora mi dà forza a sopportarlo.
Che posso dire? Sai che non gli parlo,
dove Lorenzo ha detto di aspettarlo.
questi ricuserebbe di accettarlo.
anche in questo momento che vi parlo
Questo, madama, no, non posso farlo.
quanto vere ed oneste, a liberarlo
Sire, se m'è concesso rilevarlo!
chi voglia divertirsi a immaginarlo.
ad inseguirli; e per accompagnarlo
Glielo puoi dire, ma senza giurarlo.
pel troppo piangere... Dovrei baciarlo
non c'è bisogno di raccomandarlo.
ella di certo cesserà di amarlo;
Il mio padrone mi manda a portarlo
ma uno sciocco è incapace di trovarlo.
Sarebbe a me noioso a raccontarlo
come se il prete volesse beffarlo.
con l'aria di chi intende solo farlo
per amor mio vogliate perdonarlo.
quest'anello nuziale, per spezzarlo
ho la stessa tua mano per mostrarlo.
Un buon mangiare è facile trovarlo,
ch'era venuto a casa a ritirarlo,
da lui, e poi sarò pronta a pagarlo.
Se solo un giorno potessi incontrarlo!
se lui non gli dà l'ordine di farlo.
davvero non mi sento di giurarlo.
mi ripugna soltanto a immaginarlo.
quel Ford, non fosse che per evitarlo
se non l'ho atteso là, per ammazzarlo,
Non vorreste di grazia interrogarlo
hai più paura tu stesso di farlo
quel che dobbiamo fare e come farlo,
Le domande non fanno che irritarlo...
Hai mandato qualcuno ad invitarlo?
anzi che vi risolvereste a farlo.
ho io in me per riuscire a salvarlo?
vado perciò da lui a prepararlo.
se riesco davvero a immaginarlo.
Ahimè, fratello! E come posso farlo,
per andare umilmente a supplicarlo,
Affermarlo però non è provarlo,
Andiamo tutti ad incontrarlo.
ma proprio a tanto devi trascinarlo,
Il Moro, pur s'io non so sopportarlo,
né del resto possiamo biasimarlo,
Saporitissima, c'è da giurarlo.
Insomma, vedi tu di rintracciarlo,
Voi stesso avrete modo d'osservarlo,
stanotte è proprio l'ora di mostrarlo.
ma se voi siete in grado di provarlo,
anche se pochi han la grazia di farlo.
per noi non è possibile pagarlo.
di delinquere, quello deve farlo,
non a Gower - vogliate perdonarlo -
fa' che si possa almeno salutarlo,
Perché, non potrei farlo?...
Sarebbe troppo lungo raccontarlo,
ed è somma lealtà non osservarlo,
ma non forzatemi a diventarlo.
evita per un poco d'incontrarlo,
Mio signore, vogliate assecondarlo:
Così potessi davvero incontrarlo!
Aggiungo - e sono pronto a confermarlo
nel permettere ad essa di baciarlo.
Mi sarà forza sottostare a farlo,
Supponiamo che tu potessi farlo:
di molte ore da questa in cui ti parlo
dal re, e m'ha ordinato di non farlo.
Tu che lo vedi, Dio, non tollerarlo!
non avrete perciò quello di farlo.
farai del tutto per incoraggiarlo,
senza dubbio capace di tentarlo
Non so, ma posso ben indovinarlo,
Avete già provato a interrogarlo?
ti rimanesse oscuro, puoi trovarlo
falegname o da qualche vecchio tarlo;
io stessa penserei a prepararlo,
non c'è santo che possa ritardarlo.
Tisbe, ch'era rimasta ad aspettarlo
visto che son tanti asini già a farlo.
non gli resta più niente a rivelarlo
Innamorato, lui? Manco a pensarlo!
Prima devi appiccarlo, e poi tirarlo.
credo davvero che non posso farlo!
Spero tanto che non dobbiate farlo.
Non avete ragione di sperarlo:
Infatti, e devo proprio ringraziarlo:
ci dobbiamo guardar dall'imitarlo.
Ho dovuto sudare per trovarlo.
Come credi ch'io possa ringraziarlo?
ché si son rifiutati di aiutarlo.
finiranno con il riabilitarlo.
sarebbe sufficiente a rovinarlo.
Non lo so, né riesco a indovinarlo;
mi curerò io stesso di allevarlo.
Penso che Elena - potrei giurarlo -
Ettore sarà pronto ad onorarlo;
chi sarà l'uomo che dovrà affrontarlo.
ragione alcuna che l'induca a farlo?
Non posso fare a meno di lodarlo.
Non potevate forse indovinarlo
Ettore è morto. Chi vorrà annunciarlo
Non mi sento però di ringraziarlo
Nulla, direi, se non che ringraziarlo.
E chi negar può fede al ver ch'io parlo,
Ma che dico? ed a chi ragiono e parlo?
le nemiche falangi in rimirarlo
ma pur, Tebe infelice, e s'io non parlo