Rime di 'eccie'

Trovate 757 rime per eccie

Be
blé
ce
che
che
chie
ché
cie
cre
decolte
ehe
fe
gle
gne
grè
ke
le
mbe
me
pe
piè
pre
que
riè
rué
se
ste
thè
tiè
tre
tré
ye
è
Gese
acche
acché
accie
affé
ahe
ahimè
aimè
algé
alle
alé
andre
appiè
archè
atcie
batte
batté
bebè
benche
benché
bense
bide
bignè
blable
blasé
bombé
bouclé
broché
buffè
bulè
buonde
byte
cae
cafe
caffè
cale
cape
carnè
carré
casquè
cedé
cerne
cerné
chambré
checché
cheré
chieré
chiné
ciocché
cioè
ciré
cliché
clisce
cliscé
coinè
compie
compié
corvè
cote
coupe
coupé
crede
credé
croce
croscè
cuoce
cupè
cupé
dacche
dacché
dappiè
de
delé
destrué
dore
dové
ebbè
eccie
ehile
ehimè
eimè
embè
empié
escresce
escute
esime
esiste
estrué
etce
etcie
fané
fendé
ferve
fervé
feté
finche
finché
fisse
flambé
fletté
folcé
foncé
forfè
fotte
fotté
foulé
frappè
fremé
frisé
fronte
fumé
fuorche
fuorché
gaudé
gaufré
gemé
giacché
gilè
giosue
glace
glacé
godè
godé
goffrè
granché
grogrè
henné
hople
hurre
irene
iubé
jose
jose
juppe
koinè
lacchè
lambé
lamé
lare
laté
lorché
luce
ludé
lugé
macché
madiè
mascè
matè
mercé
merzé
mesce
mescé
meublé
miete
mieté
moiré
mulcé
musmè
natte
nonche
nonché
ohe
ohibe
ohile
ohimè
ohé
oibe
oile
oimè
olé
ople
opple
osé
pandé
pansé
panzé
parchè
parque
pascé
pave
pavé
pele
pendé
perchè
perché
percie
perlé
peté
picchè
pique
piqué
plaude
plisse
plissé
poiché
pote
poté
prandé
premé
privé
prude
purché
purè
quiescé
ramiè
rapè
recié
reddé
relè
rene
riedé
riempié
rollè
rosé
sachè
sakè
saute
sauté
savé
sbatté
scandé
scerné
scerpé
scredé
scuoce
sedé
serpe
sfendé
sfotte
sfotté
sicche
sicché
sidé
silé
sinché
sivè
soigné
solé
soufflé
spandé
spengé
sperné
spiove
spiové
splendé
spreme
spremé
sterné
stessé
stilè
strapiè
strepe
strepé
stridé
style
stylé
sufflè
susse
svendé
talche
talché
tanè
temé
tepé
tesse
tessé
testé
tollé
tonné
toppè
torpe
torpé
touché
truffé
tse-tsè
tuppè
tupè
tze-tzè
urre
urse
vendé
verté
vole
vole
yeye
zaptiè
abbatte
abbatté
abbenche
abbenché
abrege
accedé
acciocché
accioche
acquiescé
adempié
affinche
affinché
agore
alale
alcunche
alcunché
allorche
allorché
aloè
altole
altroche
altroché
ancorche
ancorché
annetté
antire
anziche
anziché
assedé
asserve
assiste
assisté
attache
attaché
attollé
averroe
averté
basile
berberè
bernabe
brillanté
cabarè
canapè
canneté
carcadè
caritè
chedivè
chissacche
chissacché
cimpanzé
cloisonné
coccodè
coesisté
combatte
combatté
comburé
comecche
comecché
commescé
comminué
compete
competé
completté
concerne
concerné
concredé
congaudé
congene
connetté
consiste
consisté
consomme
consommé
conspicé
consume
conteré
contesse
contessé
cosicche
cosicché
cotalche
cotalché
craquelé
dappoiche
dappoiché
debauche
decedé
decerné
defile
defile
defletté
degage
delabre
delave
delinque
dematte
demode
demode
demulcé
depascé
dependé
derimé
desdecé
desiste
desisté
devolvé
dibatte
dibatté
dicerné
dirimé
disbatté
discedé
discerné
discerpé
discindé
discombé
discredé
discute
dispandé
distessé
diverge
dopoche
dopoché
ecarte
eccedé
effugé
engagé
epochè
eppere
esigé
esimé
esisté
evoè
faidate
faidaté
finacche
finacché
granmerce
granmercé
habitue
habitué
hallale
imbatte
imbatté
impendé
imperche
imperché
impercie
impere
imprimé
incedé
incombé
incute
infletté
insiste
insisté
interré
intesse
intessé
irascé
karatè
karité
karkadè
kedivè
lallale
macramè
madene
madese
madiene
madiese
miscredé
mordorè
mouliné
narghilè
neglige
neglige
nonsoché
oltreche
oltreché
ondeché
ossedé
ostendé
pancarrè
pancarré
perciocchè
perciocché
percuote
perficé
perloché
perocche
perocché
perpendé
persiste
persisté
posciache
posciaché
possedé
precedé
prepote
prepote
prepoté
presedé
presiedé
pressocche
pressoché
pretessé
procedé
procombé
propendé
prosterné
provvede
quantoché
quasiche
quasiché
rabbatté
recedé
redige
refletté
relucé
repeté
requiescé
resisté
riabbatte
riabbatté
riannetté
ribatte
ribatté
ricedé
ricerné
riceve
ricevé
richeré
ricompié
ricrede
ricredé
ricuoce
ridové
riesplode
rifendé
rifervé
rifletté
rigemé
rigodé
rilucé
rimescé
ringodé
ripascé
ripeté
ripoté
ripremé
risedé
risiedé
rispandé
rispengé
risplendé
rispremé
ritemé
ritessé
rivendé
scimpanze
scimpanzé
sconnetté
secerne
sempreche
sempreché
sennonche
sennonché
senonché
separè
soccombé
sottace
spossedé
stanteche
stanteché
stracuoce
strafotte
strafotté
stragodé
subsisté
sussisté
tabescé
tamurè
tantoche
tantoché
taratte
tatate
tintinte
trabatté
trallalle
traluce
tranneche
tranneché
transigé
trentatre
trentatré
tuttoche
tuttoché
uboè
umpappe
variete
veceré
ventitrè
ventitré
vicere
vicere
viceré
vigre
volapié
acquapendé
ancorache
ancoraché
antecedé
attesoche
attesoche
autodafe
autodafé
averroe
avvegnache
avvegnaché
avvengache
avvengaché
cabriolè
capitonné
chicchiriche
cinquantatre
cinquantatre
circonfletté
compravendé
conciossiaché
controbatte
controbatté
controbuffè
controverte
contuttoche
contuttoché
contuttocie
copresiede
cuccuruce
decollete
deracine
deshabille
dimodoche
dimodoché
disconnetté
dopodiché
dosacaffe
essendoche
essendoché
estrofletté
fintantoche
fintantoché
genufletté
imperciocche
imperciocché
imperocche
imperocché
inquantoche
inquantoché
intercedé
introfletté
lallaralle
matelassé
novantatre
ostupescé
ottantatre
ottantatre
perepepè
piroscindé
preesisté
quadriparte
quarantatre
quarantatre
radarrele
radioassisté
radiorelè
retrocede
retrovendé
ricombatté
riconnetté
ripossedé
saint-honoré
sainthonorè
secondoche
secondoché
servoassisté
sessantatre
settantatre
sintantoche
sintantoché
sopraeccedé
soprassedé
sopreccedé
sovreccedé
sterilite
suddivide
talmenteche
talmenteché
tatatate
tostacaffè
tralleralle
ammazzacaffè
conciofosseche
conciofosseché
fidecommitté
finattantoche
finattantoché
interconnette
interconnetté
macinacaffè
merdapele
sinattantoche
sinattantoché
tarattattate
telericevé
conciossiacosache
conciossiacosaché
lamerdapele
nontiscordardime
nontiscordardimé
conciofossecosache
conciofossecosaché
marxistaleniniste
(mancano altre 5 rime perché ho escluso: )

500 endecasillabi classici rimano con eccie:
che d'Atteone alcun rabbioso cane
d'irritar contro lui fuor dele tane
Oltre di ciò, quando a cacciar dimane
da sestesse faran nostre vendette,
Queste, il giur'io per l'infernal palude,
dico di Meleagro arco e saette.
quelle ov'ancora il mio furor si chiude,
armi pericolose, armi interdette,
Toccar quel suo malnato osò le crude
che so ch'ella morrà nela sua morte.
che, quantunque immortal, l'ama sì forte
la pueril simplicità deluse.
e con sue frodi in altro manto chiuse
la sfacciatagin sua, gli venne avante
per ricoprir con apparenze oneste
sotto le forme mie pudiche e sante,
sotto la casta e virginal mia veste,
quando comparve al suo lascivo amante
Questa, obbrobrio del ciel, putta celeste
ch'io non ho meno incontr'a lei, quantunque
lasciando a me per questo e per qualunque
A consiglio miglior volgerai dunque,
altri i riposi tuoi stassi a godere;
assordar l'aure e risvegliar le fere?
a quest'ombre narrando orride e nere,
darti con più ragion conforto e pace.
potresti almen di quest'oltraggio audace
donò lo scettro ruginoso in dote,
l'acque e col eran tridente il mondo scote;
che dal ciel move il tutto e'l tutto pote;
e de' trionfi tuoi trionfa e ride?
s'un pargoletto ogni tua gloria uccide
prede, palme, corone, insegne e spoglie,
Che ti giovano omai tante e sì chiare
sien delizie communi al'altrui voglie.
e soffri pur che quelle membra care
concorrente mortal di man ti toglie
Ed or l'armi e i trofei basso e vulgare
il Terror col Furor stretto in catene?
dietro al cui carro invitto umil ne viene
contro chi meno il meritò si move,
Quegli innocenti e miseri ch'a Giove
Ma dov'è Marte il tuo furore? e dove
ch'una sola fedele a chi le crede
Io per me spererei più facilmente,
instabile qual onda è la tua fede.
Volubile qual fronda è la tua mente,
quella beltà ch'a torto il ciel ti diede.
Perfido sesso, ahi com'inganna e mente
se scelerate son l'istesse dee?
che faran l'altre donne infami e ree
se la figlia di Giove in cielo è tale?
tanta disaventura e tanto male?
sì mobile, incostante e disleale?
rozze braccia selvagge e contadine?
posseditrici indegne, oimé, son fatte
bellezze incomparabili e divine
- Dunque di quelle ch'io stimava intatte
il dolor s'interpone; e dice alfine:
Mentre che con l'amor l'ira combatte,
che le corde del cor spezzar si sente.
e sì forte è l'affanno e sì possente
degli esserciti orrendi il sommo duce.
Quivi s'asside ad aspettar la luce
vassene Marte alo sparir del sole,
onde quando colei così gli disse
e, daché l'infernal serpe il trafisse,
Nel fier signor dele sanguigne risse
poi richiamato subito rivenne.
che per tema appartato alquanto il tenne,
quando nascose e fè fuggire Adone,
data s'è in preda a un rustico garzone.
e non senza alcun fregio il ver gli espone;
e'n più discorsi il suo parlar distinse.
l'età del vago e la beltà dipinse
e de' progressi lor nulla gli tacque,
cose udir che d'udir forte gli spiacque:
che di prudenza a fren mai non soggiacque,
là dove sa che ritrovar può Marte.
e dritto il passo move a quella parte
ch'ognor quanto più bevi hai men quiete,
o sacra troppo ed essecrabil sete
trasse l'avida ninfa ala sua rete.
in un partito perfido risolve.
Alfine i dubbi onde la mente involve
pensa e come dar morte al'infelice;
sembra stolta baccante o furia ultrice.
Falsirena la falsa incantatrice,
né sorger né regnar più gli concede;
e debellato ed abbattuto il vede,
Amor caggia dal trono ov'egli siede,
or di desire, or di furor s'accende;
doppio peso conforme, in dubbio pende;
mentre a prova con quel questo contende,
combattuto delpar, sospira e freme.
e seggio angusto a duo signori insieme,
pugnan tra lor, l'uom ne languisce e geme
sen gio del petto ad asciugar le spume.
con verde giunco insu l'algose piume
E poiché dela coda il padiglione
venne in Citera a disgravar Tritone
In quell'ora ch'apunto avea Giunone
più che l'estremità del'auree rote.
ma veder del bel carro altri non pote
pelasghe, eolie ed attiche ed argive.
le Cicladi, le Sporadi e le rive
e con tanto paese in sì poche ore
loda del mostro il dilettoso errore
Seben non pensò mai la dea d'Amore
del bel loco le spiagge ha pur vicine.
Quegli ubbidisce e'n breve ecco ch'alfine
di Sicilia non è molto distante.
del paese di Pelope a levante,
volga a Citera al corridor guizzante,
tardi tornata a suo camin sarebbe,
l'infausto auspicio in lei sospetto accrebbe,
ala madre d'Amor forte rincrebbe
farà di Costantin tremar la sede,
fiaccherà i legni e spoglierà di prede,
difensor del'Italia e dela fede,
contro l'invitta e trionfante croce;
romper le corna in questa istessa foce.
nemico al sommo sol, mastin feroce,
porto e partendo, oimé, lascio il mio bene,
la bella fiamma tua teco ne viene.
fuggi del Nilo ale dilette arene,
condanna anco a languir la genitrice?
se'n più misero stato ed infelice
Ma chi potrà senon tormento e morte
poiché quei che t'induce a sì rea sorte
Piango i tuoi casi, Antonio, e duolmi forte
di rotte antenne e di squarciate vele.
e tutta coprirà l'onda crudele
Per l'altra alte ruine e miserande
Per l'una, celebrar Roma la grande
Di due pugne famose e memorande
sciagure e mali in due battaglie orrende?
quai l'Europa da voi, quai l'Asia attende
così sola virtù gloria produce.
ma per Ulisse suo chiaro riluce:
ebber il nome dele sozze arpie.
quando seguir le tre sorelle rie
da Tenaro a Pluton passar si pote,
E lungo il mar lacon per le remote
a declinar la perigliosa foce.
e quindi di Malea corre veloce
e Scilleo lascia e lascia Argo da lunge;
l'istmo veder ch'i duo confin congiunge.
siché può di Corinto appo l'arene
e d'Eaco ala gran reggia appresso giunge,
Su la destra poi torna inverso Atene
e col rapido Euripo oltre sen fugge
ed Aulide ov'i Greci insu l'altare
Opunte in prima e Tebe indi gli appare,
Qui negli angusti guadi entra del mare
tra sue false latebre Achille asconde
officina di foco in mezzo al'onde
Taso, ch'ha di fin or vene feconde,
Tritone intanto che'l disegno intende
Ma di trovarlo un tal desir l'accende
Sinistro augurio allor Venere prende
benché d'usar sovente abbia costume,
chiede novelle del ceruleo nume.
fiammeggia dela dea del terzo lume.
di Simoe ove il bel parto in terra mise
Ma quando mira poi l'acque vicine
e sospirando del gran regno il fine
d'Ilio le luci alquanto intente e fise
Trattien la bella dea su le ruine
ecco che Samo ha già dopo le spalle,
vedi di spuma innargentarsi il calle;
dico di Prannio ala vinosa valle,
l'umide penne del'azzurre squame
lontano alquanto il promontorio infame.
e'n cui de' topi la vorace fame
Visita Citno d'ogni fior ferace
l'una a morbo mortal mai non soggiace,
Del vago corso al'impeto fugace
questa de' suoi giganti ha l'ossa ignude.
quella i figli di Borea in grembo chiude,
terre discerne e region novelle
vengon le vesti preziose e belle;
per Ippocrate chiara e per Apelle,
dela fè d'Artemisia altrui fa fede,
de' principi di Caria eccelsa sede,
Polibote soggiace e poscia vede
d'Astipalea le pescarecce arene
Dele Calinne le frondose cime,
de' fini unguenti dala fama ottiene.
E Telo incontra che le glorie prime
dala figlia d'Ialiso, ne viene.
Ad Egla poi, che fu poi detta Sime
per infamia famoso, entro vi scorge
e del bosco di Giove altera sorge
che per gran tratto entro'l suo mar si sporge
simulacro del sol ch'offusca il sole.
ricca del gran colosso, immensa mole,
oro in grembo le sparse in vece d'acque;
onde colui che l'universo move,
i primi altari aver già si compiacque,
e'n cui la saggia dea nata di Giove
di Ciprigna e del Sol la figlia nacque,
Tace e rade pria Rodo, isola dove
tanto che possa poi, quand'egli riede,
e, se volendo ir a cercarlo ei crede,
Rotto alfine il silenzio, ella gli chiede
dentro le cui bennate e sacre fronde
Pensando va come aver possa e donde
La dea que' detti ascolta e non risponde,
al'immortalità senza morire. -
farlo passar, pria ch'ella abbia a ferire,
sottraendo al gran rischio anco il tuo bene,
da cui felice ogni influenzia viene,
non volgi omai di torbide in serene?
dele vaste e profonde acque marine,
e poich'entro le viscere s'immerse
che saltò dale sponde al mar vicine;
ed apena in tal guisa ei si converse
tutto di conche e divenn'alga il crine
mutò figura, il corpo si coperse
benché mortal, di superar la morte.
Ma per somma ventura ottenne in sorte,
ale reti, ale canne ed ale nasse.
fatto scaglioso dio forma cangiasse,
ascritto fu dela marina classe,
e per Bacco e per Giove ancor si vede
Arianna non conto e Ganimede
Spesso per grazia al'uomo il ciel concede
Facile, o dea, ti fia s'al tuo bel sole
Del sovrano motor l'amata prole,
alterar non si deve alma celeste.
Ma per cose giamai gioconde o meste
conturba sì ch'a lagrimar t'induce?
- Deh! qual cura noiosa or la tua luce
e'n pietos'atto a lei si volse e disse:
Quindi il corso tra via lento sospese
la cagion di quel duol che sì l'afflisse.
talché Triton ben vide e ben comprese
fu saetta mortal che la trafisse,
Il gran tenor dele parole intese
fu d'indietro tornar più volte in forse,
tarlo di novo dubbio il cor le morse;
e per le vene un freddo gel le corse,
e lievemente s'attuffò nel'acque.
doglioso in atto sospirando tacque
sferzato allor per le campagne salse,
fer che'l tutto distinto udir non valse.
Offrir vedrai, come il destin mi dice,
ma tragedia funesta ed infelice
De' giuochi citerei vai spettatrice
O quanto meglio volgeresti altrove
Deh, qual vaghezza o qual follia ti move
- O dea prole del mar, misera, e dove
mentr'ei sciolse la lingua in queste note:
Stetter taciti i venti e l'onde immote
a Tritone accennò che si fermasse.
s'alzò dal'acque più profonde e basse
da' cavi scogli a viva forza il trasse,
di grembo a Teti, il sol si leva ed esce,
e i procellosi campi agita e mesce.
mentre il vento riposa e l'onda e'l pesce,
menar ai salsi paschi ha per costume,
Proteo, del ciel del'acque umido nume,
Palemon con Portun rauco ne freme.
Ino l'abbraccia e mormorando insieme
bacche e viole tenere framette;
raguna ostriche fresche e perle elette;
che'ntreccia il bianco crin di verdi erbette,
molle ha la barba e rugiadoso il crine.
Di verde muschio e d'argentate brine
cantan gli amori lor, nude caterve.
del gran rettor del mar compagne e serve
Leucippe e Deiopea con altre mille
spruzzan le nubi di lucenti stille;
per le pianure liquide e tranquille;
vanno e cent'altre ninfe e cento dee.
e seco le nereidi e le napee
Aci con Galatea varie partite
ne fa votive e tributarie offerte.
Cidippe un ceto con le fauci aperte.
riconoscon la dea che da lor nacque.
Umili i flutti e mansuete l'acque
tu vanne in pace; e tu riman felice. -
- Core a dio, vita a dio (l'un l'altro dice)
con doppio corso biforcate l'orme.
Vela d'ondoso crin le braccia e stende
la pistrice con l'uom misto biforme.
In stranio innesto si commette e rende
il semipesce allor torvo e difforme.
Fuor del gorgo prorompe e in alto ascende
ingombraro, esplorar l'umide vie.
tutte del mar, quasi corrieri e spie,
mentre a voga arrancata il mar divide,
freme l'onda percossa, il lito stride,
arder non suole e saettar non vale.
vibrar la face ed aventar lo strale;
d'Amor, d'eguale età, d'aspetto eguale.
e d'altri più color fregian le spalle.
Son vermiglie e cerulee e verdi e gialle
agitando il va poi con mille spinte.
quivi s'asside e più d'un suo consorte
sospese e l'armi d'or deposte e scinte,
e poiché l'ha d'un elce a un ramo forte
Altri intrecciate e'n lunga linea attorte
implica l'amenissime mortelle;
fabrican case e gabbinetti e celle;
Di palco in palco van, di colle in colle
popolo ignudo, alata plebe e molle,
Scherzale intorno lascivetto e folle
e ritornando inver le patrie piaggie
prodigioso e redivivo germe
poiché'l risorto e giovinetto verme
Come l'augel che le sue spoglie inferme
che duo fussero i soli e due l'aurore.
onde parea con gemino splendore
si specchiò nele luci ardenti e belle;
fuggon le nebbie e fuggon le procelle.
fa per invidia dileguar le stelle.
appo il candido dente il bel candore
Può de' rubini il folgorante ardore
Ma de' piropi il tremulo splendore
pur come in fino orienta! diamante,
che suol d'Endimion la bianca amante;
il piombato cristal si tiene avante;
dele conche eritree cerulee figlie,
altra agli orecchi due lucenti appende
ghirlandette odorifere e vermiglie,
altra di rose a sovraporle intende
delo stranio lavor le meraviglie,
Poiché perfette ognuna esser comprende
tremolanti cimier, piumaggi e foglie.
dove con ami e calamistri accoglie
per ordir groppi e cerchi ella n'elegge;
parte ne chiude in reticella e parte
molti con morso d'or doma e corregge;
Molti ne lascia abbandonati ad arte,
l'ingegnosa ministra e lor dà legge.
Ma quei liberi error frena e comparte
quasi largo torrente al sen le scende
or i suoi lunghi tratti a terra stende;
qual corona dintorno aurea risplende;
Sestesso lega e poi sestesso scioglie,
e'l vel, ch'avaro in sua prigion l'accoglie,
Al'aura il crin, ch'al'auro il pregio toglie,
ara le vie del crespo oro lucente.
e dale spalle con eburneo dente
le scarmigliate fila ordina e terge
di finissimo nettare consperge;
lucido speglio le sostiene ed erge;
intorno l'assistean l'idalie ancelle.
tutte tre da tre lati accorte e belle
Reca di bisso candido e sottile
il drappelletto nobile e gentile
Viene al suo cenno allor, sì come ha stile
sempiterna l'ha fatta ed immortale.
ma per renderla intutto al cielo eguale
non sol degna la fa del suo favore
onde veggendo pur la dea d'amore
Talia, ch'ha de' teatri il sommo onore,
chi ne langue trafitto anco l'applaude.
co' sospiri non men che con la laude
porta la luce e la beltà celeste;
e sempre di sua man la spoglia e veste.
d'ogni rara eccellenza a tutte queste,
E son tre sole al degno ufficio elette,
lavansi ognor nel'acque cristalline.
Del'Acidalio, ancor che pure e nette,
del gran dio degli dei, nacquer divine.
Dielle Eunomia ala luce e, già concette
con palma a palma in caro groppo accolte,
di pari età, di par beltà sorelle,
sempre unite in amor né mai disciolte,
sempre liete e ridenti e sempre belle,
Giovinette attrattive e verginelle
e chiede da vestir l'usate pompe.
le Grazie appella, i dolci nodi rompe
sorge e sorger fa seco il caro amante,
tutta di vezzi languida e cascante.
vede l'ombra del ciel farsi in levante,
Ciò che'ncontro gli vien, lacera e strugge,
Non teme no, non teme il fier, non fugge
Né men d'ogni altro l'animal che rugge
ch'ognor de' cari parti il furto teme.
Sparge d'ira le macchie e furia e freme
velocemente il fuggitivo aggiunge.
schernitrice de' rischi, opprime e punge.
studia a tutto poter sottrarti lunge.
le sue voglie appagar crude e malvage.
né pote altro giamai che strazio e strage
volga talor, là presso è pianto e morte.
dove le luci minacciose e torte
Schermo seco non giova, ardir non vale,
Mostro d'orgoglio e di fierezza eguale
Fuggi s'irsuto ed ispido cinghiale
faccia in fuga giamai volger la fronte.
guardati d'irritar le brame e l'onte,
vattene pur cercando in piano o in monte,
bestie inumane, indomite e selvagge.
tante pianure e collinette e piagge
(diss'ella) e non mi cal d'occhio piangente
e vibra umido d'ira il raggio ardente.
a quel caldo pregar non ben consente,
e dannosa e mortale a chi la chiede.
grazia ingrata a colei che la concede
raro v'appar come nel'altre selve.
la dea d'Amor, pien di feroci belve.
con l'arco in man le fuggitive fere.
sommo ed incomparabile piacere,
desio l'espon con fervide preghiere:
l'alta immortalità teco partire,
Sì potess'io del'immortal mio nume
nulla fia che si neghi al tuo desire.
Giuro per Stige, inviolabil fiume,
circonda e chiedi omai con franco ardire.
- Vedi pur quanto il sol col chiaro lume
arde d'amore e di pietà languisce.
ch'ella tutta a quel dir s'intenerisce,
Lo sconsolato Adon lagrima e geme
vanno alternando ed iterando insieme
Così le gioie e le memorie estreme
pur da capo l'un l'altro a baciar venne,
la coppia alquanto il favellar ritenne
Semai rivolgo dal'antica fede
per questi prati, ovunque poso il piede,
pianger la vita mia nela tua morte. -
Facciami acerba e dispietata sorte
uccide i corpi e tu dai vita al'alme. -
egli con fiere e sanguinose palme
sì profondo dolor del mio partire.
quanto il vederti piangere e sentire
E se'n cristallo limpido e gentile
ti rappresenti la mia fede umile
Se di perle e rubin ricco monile
S'incontri per camin fiume sonante,
dì teco allor: 'Nel mio fedele amante
Se fior vermiglio in prato o verdeggiante
Se spiegar dopo'l dì chiaro e lucente
stando lunge da me, torniti a mente
Se'l giorno uscir vedrai dal'oriente
se per te, vita mia, corro ala morte.
so ch'io morrommi; e fia beata sorte
acque piane pertutto, aure seconde.
passar, quantunque torbide e profonde.
assai meglio potrai valicar l'onde
trovar discolpe e queste scuse e quelle,
quando di là dov'ama un cor si svelle.
formar ragioni a' danni miei sì belle?
Piacesse al ciel che, per non girne dove
Decreto incontrastabile di Giove
Ma che poss'io se mi rapisce e move
comprenderlo ben puoi dale parole
l'allontanarmi dal mio vivo sole,
Onde per non mirar la propria morte
Le tue luci leggiadre eran mie scorte,
Vedi vedi se strana è la mia sorte,
mi devesser mirar pietosamente
sol per mirarti ed esserti presente?
che chi dal volto tuo bear si sente
per poi lasciarmi in tenebre ed in pene;
e si raddoppi il mal, perdendo il bene.
qualche breve talor gioia s'ottiene
Ah che pietà di me non ti compunge!
posso o voglio da te vedermi lunge.
non più scherzar, qual fato or ne disgiunge?
il duolo è che per lui parla e discorre.
non lascia ala ragion note comporre;
a favilla a favilla il cor disciorre.
altro per me non fia ch'assenzio e fiele.
Quest'assenzia, ben mio, fiera e crudele
e mi si parte insu'l partire il core.
onde là fassi al mio gran nume onore.
passo a Citera e ne vien meco Amore.
pur con l'occhio e col guardo intese e lesse
negli occhi scritto e negli sguardi espresse;
preparando l'affetto, al duol dispone.
così Venere bella il bell'Adone,
ma con stil dilicato e diligente
non su le fauci a por subitamente
Come se vuol talor putrido dente
o parola mortal! che vuol partire.
parlar non osa e non s'arrischia a dire,
apriro gli occhi e gli prestaro il lume.
Sorgendo poi dale rosate piume
destar gli augelli e risvegliaro il sole.
spesa in vezzi la notte ed in parole,
smarriti nel color dele viole
porgea cuna di rose al Dì nascente.
e fasce d'oro il Sole e l'Oriente
pria che giunga il partir, l'un l'altro scrive.
Con queste care epistole furtive
non si può senza pianti e senza doglie.
se l'un dal'altro si distacca e scioglie,
O quanto invidia al sol l'aureo splendore
purché dal'arco poi che scocca Amore
Deh! come volentier torrebbe un core
senza giamai partir girne in disparte,
dala di sé più cara e miglior parte
quando coppia che s'ama Amor diparte,
l'alma dal corpo suo dolce consorte,
E s'è gran doglia allor che si divide