Rime di 'igi'

Trovate 66 rime per igi

bigi
bigi
chigi
figi
figi
frigi
gigi
grigi
ligi
pigi
pigi
rigi
spigi
stigi
strigi
vigi
zigi
affigi
bagigi
bansigi
barbigi
caligi
castigi
diligi
dirigi
disbrigi
effigi
eligi
erigi
esigi
fastigi
gianluigi
iapigi
imbigi
indigi
intrigi
litigi
luigi
negligi
parigi
penfigi
pierluigi
prestigi
prodigi
redigi
ripigi
serpigi
servigi
strafigi
svaligi
tamigi
transigi
trevigi
vestigi
amadigi
autoerigi
babbagigi
indirigi
invaligi
prediligi
pterigi
steatopigi
suffumigi
uropigi
verdegrigi
autodirigi

58 endecasillabi classici rimano con igi:
nebbia che, carca di vapori stigi,
l'alta sposa sarà del buon Luigi:
che'n vera pace assecurar Parigi,
Lisabetta a Filippo, Anna a Luigi.
mentre prendono e dan Spagna e Parigi
stanno molte donzelle a' suoi servigi
ma, da larve deluso e da prestigi,
è la Felicità, de' cui vestigi
per cui suda Vulcano, a cui Parigi
e, seguendo ancor tenero i vestigi
E te, ch'Adone istesso, o gran Luigi,
senza la falce in man, segue i vestigi
Cavalca un animal pur di que' bigi
perdona alfin placato il gran Luigi
tra la palma e l'olivo entra in Parigi
Molto sudammo ne i paesi frigi.
nebbia che, carca di vapori stigi,
Cavalca un animal pur di que' bigi
Or son questi però fatti e servigi
Che ne devreste doppo i fiumi stigi
Che ne diran di voi gli uomini ligi?
Del medesmo seguir gli alti vestigi,
gli onorati Filippi e i gran Luigi
l'un doppo l'altro; in cui gli oscuri stigi
tutti, fuor ch'un renduto in panni bigi,
ch'al Ciel lunge da i laghi averni e stigi
Mille nuvole e piú d'angeli stigi
Né in virtú fatte son d'angioli stigi
Sembran de l'aria i campi i campi stigi,
ch'al ciel, lunge dai laghi averni e stigi,
mille nuvoli e piú d'angeli stigi
E non pensiate giá ch'angeli stigi
come colei che prigionieri e ligi
ma quello che ti spetta e poi lo esigi.
l'impegno a rimanere sempre ligi,
Le strade sono vincoli che erigi,
la pioggia che mi ha reso gli occhi grigi.
le discussioni come dei litigi,
Ricordo la signora e i suoi servigi,
cresciuti a cuscinate e Topo Gigi,
Giocare giù in cortile con Gianluigi,
il Colonnetti ormai ha grandi effigi,
A Mirafiori accadono prodigi:
col messo che venía dai luoghi stigi!
che suore, e frati e bianchi e neri e bigi
a preti, a frati bianchi, neri e bigi;
e di man tolte agl'inimici stigi,
di mille che mandasti ai regni stigi;
né quei che fur cacciati ai fiumi stigi.
portare il padiglion dai messi stigi.
veggio, lunge da' laghi averni et stigi.
E la cagion ch'io vesto or panni bigi
ch'usavan prima a' morti i panni bigi
io dico tanto a' neri quanto a' bigi.
Montalban fare a quegli angeli bigi.
e bestemmiò sessanta frati bigi.
trionfar poi dovea de' regni stigi,
nè sento altri gracchiar che gufi e strigi,