vota il politico della CdL più coerente



Sondaggio effettuato nel mese di maggio 2003

Opzioni Voti
“Berlusconi deve fare non uno, ma dieci passi indietro, perché il suo conflitto permanente di interessi tra politica e magistratura da una parte, e la ricerca di una personale libertà dai processi dall’altra, impedisce la soluzione della questione giustizia… Il comportamento di Berlusconi è concussivo: strumentalizza milioni di voti, condizionando lo sblocco dei lavori della Bicamerale all’assoluzione in uno sterminato numero di processi o pretendendo spedizioni punitive contro i magistrati che si azzardano a intraprendere azioni penali per gravissime corruzioni giudiziarie…Ora la misura è colma” (Carlo Taormina, Ansa, 11-5-98). 2
Di Pietro dimostra ancora una volta d'essere un grande personaggio, la cui coerenza merita rispetto ed ammirazione (Cesare Previti, 7-12-1994) 0
Calcoli politici per Di Pietro? Mai. Chi lo pensa è in malafede. Starei per dire che è un farabutto (Ignazio La Russa, 6-12-1994) 1
L'avviso di garanzia a Craxi è (…) la fine ingloriosa di un regime (…) La scelta dei PM di Milano di emettere avvisi di garanzia all'indomani delle elezioni amministrative dimostra che la Magistratura non fa politica, contrariamente a quanto sostenuto proprio dal segretario socialista (Gianfranco Fini, Ansa, 15-12-1994) 1
Sulle tangenti auguriamo al giudice Di Pietro di andare avanti a tutta manetta. Senza la Lega, ora Di Pietro sarebbe in un pilastro di cemento armato (Umberto Bossi, Ansa, 20-12-1992) 3
seggioelettorale/2003/1022.txt · Ultima modifica: 2015/03/10 10:37 (modifica esterna)
Public Domain
Driven by DokuWiki Recent changes RSS feed Valid CSS Valid XHTML 1.0